DEMOETNOANTROPOLOGIA

Crediti: 
2
Sede: 
Parma Azienda USL
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
MARRA SANDRINO LUIGI
Settore scientifico disciplinare: 
DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE (M-DEA/01)
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano,Inglese, se necessario.

Attività formativa padre: 

Obiettivi formativi

L'Infermiere necessita di una visione multiculturale non solo della realtà umana che lo circonda, ma anche di una visione di professione interculturale. L'obietivo è dunque fornire quelle nozioni e conoscenze atte a muoversi senza difficoltà nel mondo della multiculturalità e della globalizzazione.

Formare lo studente all'acquisizione di una visione interculturale e multiculturale della società e dell'assistenza infermieristica. Formare una conoscenza libera dai pregiudizi sociali ed in grado di offrire eguaglianza. Acculturare gli Infermieri e prepararli a comprendere le diversità culturali, etniche, sociali, avviarli ad una visione della assistenza e della salute che tenga conto di usi, costumi, religioni, le quali nella diversità hanno in comune la cultura. Dare una conoscenza storica, sociale, culturale dei cambiamenti in atto, formare i futuri Infermieri attraverso la conoscenza dei popoli, della storia delle migrazioni, dell'elemento migrazione nella sua ampiezza, liberando la parola stessa dall'elemento pregiudiziale, attraverso, appunto una conoscenza sia culturale che storica del percorso umano del fenomeno e dell'antichità dello stesso.
Dunque cultura, multicultura, inclusione sociale e conoscenza gli obiettivi formativi del corso.

Prerequisiti

Nessuno

nessuno

Contenuti dell'insegnamento

Il corso si struttura sull'esperienza del Nursing Transculturale e dell'intercultura dove si vuol formare Infermieri con una visione della cura che pone attenzione anche alle diversità culturali nel loro insieme di essere umano culturale. La cura per essere efficace ed eguale ha necessità di conoscere valori, morale, usi e costumi della diversità. Offrendo dunque una formazione Demoetnoantropologica si mette il futuro infermiere nella condizione di avere una conoscenza della diversità ed una forma mentis di apertura che rende la figura stessa dell'Infermiere elemento importante di inclusione sociale. Le attività che l'insegnamento offre includono momenti di incontro con le comunità del territorio in uno scambio reciproco di conoscenza, che permette allo studente di interagire in modo diretto immergendosi nella realtà culturale dalla parte opposta rispetto alla propria. Oltretutto incontri extra insegnamento, che definiamo "Caffè Culturali" con rappresentanti di culto, con personalità del mondo del fotogiornalismo (fotoreporter ANSA) con rappresentanti delle istituzioni, aiutano ad aumentare le conoscenze e permettere allo studente di relazionarsi con la società al di fuori delle aule, ma dentro l'Antropologia, attraverso l'osservazione partecipata e l'incontro/interscambio culturale.

Conoscenza di storia delle migrazioni, dalla preistoria ad oggi. Usi costumi e precetti nelle diversità culturali, sociali e religiose. La conoscenza dell'altro attraverso una visione senza pregiudizio.

Programma esteso

Conoscenze e nozioni di base dell'Islam, dell'Hinduismo, del Cristianesimo, del Sikkhismo delle religioni tradizionali, in base alle etnie presenti sul territorio regionale e nazionale. Elementi di storia delle migrazioni. Elementi avanzati di Medicina delle migrazioni, Geopolitica delle migrazioni, Elementi di Relazion Internazionali e di diritto umanitari. Elementi di legislazione italiana in materia di migrazioni. Elementi avanzati di Antropologia, Etnografia e Demografia.

Islam ed islamismo. la cultura islamica nei suoi usi, costumi, e concetti di base.
Sikkhismo ed induismo attraverso cibo, rituali e cultura.
L'approccio al fine vita, attraverso le molteplici visioni culturali. I bisogni spirituali dell'altro, dall'ateismo agli aspetti multireligiosi. Cibi, rituali, alimentazione nel mondo: per una conoscenza della multiculturalità italiana. Le migrazioni nella storia ed il fenomeno migratorio oggi. Le rotte della migrazione nel mondo, il traffico di esseri umani. Legislazione italiana, europea ed extraeuropea in materia di migrazione. Fenomeni sociali di portata: le mutilazioni genitali femminili, matrimoni combinati, strutturazione del sistema familiare e sociale nelle diversità culturali. Pregiudizio, dove nasce, come nasce quando nasce: una strada storica di informazione e conoscenza per superarne la barriera.

Bibliografia

Sandrino Marra-Silvia Contuzzi "Per un Nursing Transculturale" Lulu edizioni, SBN
9781326763763 anno 2016.

Sandrino Marra -Giuseppe Fortugno "EMIGRAZIONE E DISAGIO PSICHICO UN ORIENTAMENTO PER OPERATORI SANITARI" Lulu edizioni, ISBN
9780244269739 anno 2020

Sandrino Marra- "LA RESILIENZA ALLA MIGRAZIONE DELLE COMUNITA 'SIKH DEI TEMPLI DI NOVELLARA E PARMA" Lulu edizioni, ISBN
9780244750084 anno 2019

SAndrino Marra- Valentina Grassi "QUEL CHE RESTA DEL VODU" Lulu edizioni,ISBN
9781326334086, anno 2015.

Ugo Fabietti "STORIA DELL'ANTROPOLOGIA" Zanichelli editore, ISBN 9788808162007, anno 2011

Gilberto Mazzoleni "IL DIVERSO E L'UGUALE" Bulzoni editore, ISBN: 9788881793877, anno 1975

Dan Sperber "IL SAPERE DEGLI ANTROPOLOGI" ISBN 8807100142, ANNO 1984

-Dan Sperber, "Il sapere degli antropologi". Feltrinelli, Milano 1984.

Gilberto Mazzoleni. "Il diverso e l'uguale. La concettualizzazione delle diversità nei contatti interculturali". Bulzoni editore, Roma 1977 .

Claude Lèvi-Strauss.Razza e Storia. Razza e cultura.
Piccola Biblioteca Einaudi Torino 2002

Bruno Riccio. "Migrazioni transnazionali dall'Africa, Etnografie multilocali a confronto". UTET università, Torino 2008.

Hernan Huarache Mamani. "Gli ultimi curanderos". Pickwick, Cles (TN) 2013.

Beneduce Roberto- Etnopsichiatria, sofferenza mentale e alterità.
Carocci editore 2007.
AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI, NUOVA SERIE.
Mediterraneo: geopolitica, migrazioni e sviluppo.
Architectural Printing srl Ariccia, Roma 2015.
AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI, NUOVA SERIE
I nuovi scenari socio-linguistici in Italia. Richiedenti asilo, migranti, interpreti e nuovi scrittori.
Age srl Pomezia, Roma 2014.
Ugo Fabietti
Storia dell'antropologia. Zanichelli editore, Bologna, 1991.

Metodi didattici

Lezioni frontali, accompagnate da momenti di discussione in aula oltre che da incontri con le comunità territoriali all'interno delle strutture di rappresentanza di queste (Centro di cultura Islamica di Parma, Tempio SIkh di Parma altre attività collegate a rappresentanti di comunità)

Lezioni frontali, attraverso l'uso anche di immagini, di esperienze dirette, ed attività culturali informative. Brevi Stage (visitatori) presso centri di salute delle migrazioni.

Modalità verifica apprendimento

Esame orale secondo il metodo didattico della multipartecipazione (esame orale a gruppi con domande e discussione delle domande e delle risposte)

Esame con colloquio orale.

Altre informazioni

Il corso prevede, una serie di lezioni/incontri di carattere pubblico ed aperto denominato "Caffè culturale" unico in Italia per i corsi di Infermieristica, il quale con la partecipazione ed il supporto di figure appartenenti al mondo universitario, sociale e religioso, integra le lezioni in un contesto diverso dalle aule universitarie.